fbpx
CronacheEventiPrimo Piano

Acireale festa della Repubblica insieme a rito islamico

Il tricolore ha il sapore dell'slam

Acireale, scarsa promozione per le celebrazioni di rito per la Festa della Repubblica. L’amministrazione patrocina il rito islamico che segna la fine del Ramadan.

Acireale apre all’Islam con la fine del Ramadan in contemporanea alla festa della Repubblica

Tradizionalmente, è risaputo, il 2 giugno è la data della festa della Repubblica Italiana. Storicamente ad Acireale si è sempre celebrata la giornata con sfilate e manifestazioni. L’amministrazione 5 stelle di Acireale, guidata dal sindaco Stefano Alì sceglie di celebrare nella stessa giornata il rito che segna la fine del Ramadan.

Festa della Repubblica AcirealeMentre per la festa nazionale appare una semplice locandina sul sito del comune è stata presentato in conferenza stampa per la data in questione, un rito islamico. Una cena etnica per favorire l’integrazione tra la cultura islamica e quella nostrana.

Nonostante le evidenti buone intenzioni, il progetto suscita in città numerose critiche e qualche malumore.

Sui social sono già parecchi i commenti di disapprovazione nei confronti dell’evento che sembra scalzare la festa nazionale.

 

 

acireale conferenza«L’assessore Palmira Fraschilla e la consigliera Doriana Zappala dovevano mettere il fazzoletto in testa», ironizza Carmelo su facebook.

Il commento, allegato alle immagini di presentazione del progetto in conferenza stampa è subito definito razzista da chi difende l’iniziativa d’integrazione.

«La diversità è ricchezza» commentano infatti Silvia e Laura, testimoniando la spaccatura della società in tema di integrazione.

Iftar Street insieme alla Festa della Repubblica

acireale islamL’iniziativa, denominata “Iftar Street” è organizzata dalla Federazione Islamica della Sicilia e promossa dall’amministrazione acese e dall’Associazione Costarelli.

Iftar è un pasto, in questo caso una cena, che segna la fine del digiuno nel periodo del Ramadan.

«Un’iniziativa bellissima», sostiene il sindaco di Acireale Stefano Alì. «Ritengo giusta l’apertura agli altri senza avere barriere per conoscere culture e tradizioni che rappresentano un arricchimento».

«Teniamo moltissimo a questa iniziativa», dichiara Ismail Bouchnafa, presidente della Federazione Islamica siciliana. «Siamo felici di condividere con la comunità di Acireale un importante momento di spiritualità e condivisone», conclude.

Il progetto, già avviato in altre città gode anche del sostegno della chiesa cattolica, parteciperà infatti all’Iftar anche il vescovo della diocesi di Acireale, Mons. Antonino Raspanti.

All’indomani di unelezione che segna l’affermarsi in Italia di un partito fortemente nazionalista, è di certo una scelta coraggiosa quella di portare al Duomo un rito islamico, la fine del Ramadan, nel giorno della festa della Repubblica.

La scelta operata dall’amministrazione otterrà il favore dei cittadini di Acireale o contribuirà ad accrescere il clima di tensione diffusosi attorno al tema dell’accoglienza?

Tags
Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker