fbpx
Sport

Acireale-Modica 3-0: il commento del dopo partita. Parola ai protagonisti…

Due vittorie, cinque gol realizzati e solo una rete subita. Sono questi gli incoraggianti numeri finora ottenuti da Peppe Anastasi da quando meno di due settimane fa si è insediato alla guida dell’Acireale. Come inizio non c’è male per l’allenatore dei granata che adesso tornano nuovamente a sperare nella promozione in serie D attraverso i play off.

La svolta invocata da buona parte dell’ambiente acese per dare una sterzata a questa stagione sta dando i suoi primi frutti. Il cambio di guida tecnica, seppur è stato tardivo per continuare a contendere il primo posto ad un’Igea Virtus oramai vicinissima alla serie D, è risultato comunque efficace ad un Acireale ancora in tempo per giocarsi la promozione attraverso gli spareggi di fine stagione.

Un Acireale convincente e brillante quello visto oggi pomeriggio allo stadio “Tupparello”. Come raccontato in sede di cronaca, i granata hanno superato agevolmente il Modica con un 3-0 che non ammette discussioni. Una vittoria limpida quella degli acesi che adesso possono affrontare con una giusta dose tranquillità le ultime quattro giornate del campionato di Eccellenza.

Oggi l’avversario era ben poca roba. Il Modica arrivato al “Tupparello” da terz’ultimo in classifica ha dovuto cadere la posta in palio ad un Acireale nettamente superiore. Ma al di là delle lacune di un avversario modesto, quest’Acireale con Anastasi in panchina sembra aver trovato quella identità di squadra venuta a mancare molte volte in questa stagione. Le indicazioni avute a Milazzo ed oggi sono molto positive, fanno ben sperare per il futuro, ma nel calcio come nella vita servono delle conferme e domenica contro un Atletico Catania in ripresa ed lotta per un posto nei play out, per l’Acireale sarà un banco di prova complicato.

Intervistato in sala stampa, l’allenatore dell’Acireale Peppe Anastasi, oggi squalificato, ha commentato la vittoria dei suoi ragazzi in questi termini:

<<Il  merito va tutto ai ragazzi. Dico questo non per dire una frase fatta, ma perchè dal martedì al sabato chi viene a vedere gli allenamenti, può confermare che la squadra dà sempre il massimo e lavora con dedizione. A volte le cose provate in allenamento ci riescono in partita, altre volte no, ma oggi l’Acireale ha fornito una prova di carattere. E’ facile dire che abbiamo vinto, ma noi abbiamo giocato contro un Modica chiuso in difesa con molti calciatori dietro la linea della palla e non era facile per noi trovare gli spazi giusti per renderci pericolosi. Modica? Abbiamo fatto la gara che ci aspettavamo. Loro si difendevano in otto uomini e non era facile per noi perchè dovevamo cercare di fare girare sempre il pallone, rischiando qualcosa su eventuali loro contropiedi. Siamo stati bravi a mantenere la calma ed appena abbiamo trovato il vantaggio, tutto è stato più semplice. La mia cura? Io penso che gli effetti della mia cura non siano altro che lo spirito di sacrificio messo in campo da questi ragazzi. Io sto dando quello che posso come allenatore, ma il resto lo sta facendo chi va in campo. Condizioni del campo del “Tupparello”? Per me il campo è perfetto, nel senso che non abbiamo alibi e dobbiamo fare bene, al di là delle condizioni del terreno di gioco. Sappiamo che magari questo non è un terreno di gioco idoneo dove poter giocare bene a calcio, ma ripeto che questo per noi non deve essere una giustificazione. Atletico Catania? Rispetto l’Atletico Catania, ma spero che noi faremo un ottimo risultato contro di loro. Play off? Ancora non siamo qualificati ai play off e quindi tutto resta in gioco. Ci sono tante squadre in pochi punti e parlare di play off resta qualcosa di prematuro, come è prematuro parlare di vittoria del campionato da parte dell’Igea Virtus. Insomma, fin quando non ci saranno le certezze matematiche tutto resta in gioco>>.

Intercettati in sala stampa, Giovanni Caputa e Daniele Conti, due dei tre mattatori del match, hanno espresso le proprie impressioni, dedicando la vittoria a Luca D’Emanuele, un compagno di squadra rimasto ferito in un incidente stradale alla vigilia della partita odierna:

Daniele Conti: <<Era importate vincere per non perdere terreno dalle nostre dirette concorrenti. Oggi fortunatamente è stata una giornata a nostro favore dato che Leonzio e Taormina hanno entrambe perso dei punti per strada, ma al di là di questo noi dobbiamo cercare di vincere tutte le partite da qui alla fine. Il mio gol? Partivo dalla panchina e mi sono fatto trovare pronto. Penso che non sia importante chi gioca o chi va in panchina perchè il bene della squadra viene prima di tutto. Mister Anastasi? Conoscevo Anastasi già dalla scorsa stagione a Siracusa. Diciamo che lui ha fatto un paio di cambiamenti a livello tattico, ma si sa ogni allenatore ha le sue idee. Anastasi ha delle idee, Raciti aveva altre idee, ma in fin dei conti il calcio è sempre lo stesso. Incidente di D’Emanuele? Luca è un nostro caro compagno di squadra e dedichiamo a lui questa vittoria. La cosa più importante è che lui stia bene e spero che possa riprendersi al più presto dall’incidente. Campionato? Dobbiamo pensare gara per gara e poi faremo i conti a fine stagione>>.

Giovanni Caputa: <<Oggi abbiamo fatto una bella prestazione. Cercavamo la vittoria perchè per noi erano fondamentali i tre punti; poi qualche squadra nostra avversaria ha perso punti per strada e va bene così. I miei sette gol da dicembre ad ora? Diciamo che cerco sempre di dare il massimo, ma a volte anche la fortuna ha un peso dato che ho colpito due traverse in due gare fondamentali perse contro Taormina e Palazzolo. Tuttavia, sono contento perchè è un bel bottino e sto aiutando questa squadra, ma ci tengo a volere sempre migliorare. Incidente di D’Emanuele? Dedichiamo la vittoria a Luca perchè è un ragazzo d’oro. Purtroppo lui ha avuto questo incidente e spero che si possa riprendere al più presto in modo tale da poterci dare un aiuto. Luca ha sempre dato il suo contributo alla squadra e spero che possa continuare a darlo in futuro. Atletico Catania? Cercheremo di dare il massimo. Contro l’Atletico Catania sarà la prima di quattro finali>>.

Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button