fbpx
GiudiziariaNews

Acireale, le richieste del “giallo Akis”

Ergastolo per Rosario Grasso e tre anni per i suoi familiari, la moglie Maria Gabriella Pappalardo e i figli Filippo e Angelo: queste le richieste, con la requisitoria, rispettivamente per omicidio, occultamento di cadavere e detenzione d’arma per il primo, favoreggiamento per gli altri, del Pm Pasquale Pacifico per il processo, che si svolge davanti ai giudici della Corte d’Assise di Catania (Presidente Rosario Cuteri) sul cosiddetto “giallo” dell’ “Akis” un agriturismo di Pennisi, frazione di Acireale, dove scomparvero, il 21 febbraio del 2011, Francesco Grasso e Giuseppe Spampinato. Rosario Grasso, gestore del b&b, è accusato di essere uno degli autori, in concorso con altri, del duplice omicidio.

Per gli inquirenti Giuseppe Spampinato e Francesco Grasso, ritenuti vicini al clan Laudani, sarebbero stati uccisi proprio nell’azienda agrituristica “Akis”, di Pennisi, frazione di Acireale, gestita dall’imputato, il quale ha respinto l’Accusa, sostenendo che i due sarebbero stati eliminati da tre uomini e lui sarebbe stato minacciato dai tre.
Nella prossima udienza, il 10 febbraio, parola alla Difesa, con l’avv. Giuseppe Di Mauro e la parte civile -la madre e sorella di Francesco Grasso- con l’avv. Enzo Guarnera.

Mostra di più

Marco Benanti

45 anni, ex operaio scaricatore alla base di Sigonella, licenziato in quanto “sgradito” al governo americano per “pensieri non regolari”, ex presunto “biondino” dell’agenzia Ansa, ex giocatore di pallanuoto, ex 87 chili. Soggetto sgradevole, anarchico, ne parlano male in tanti, a cominciare da chi lo ha messo al mondo: un segno che la sua strada è giusta. Ha, fra l’altro, messo la sua firma come direttore di tante testate, spesso solo per contestare una legge fascista di uno Stato postfascista che impone di fatto un censore ad un giornale (e in molti hanno, invece, pensato che lo ha fatto per “mettersi in mostra”). E’ da sempre pubblicista, mai riconosciuta alcuna pratica per professionista, nemmeno quelle vere. Pensa di morire presto, ma di lui – ne è certo- non fregherà niente a nessuno. Nemmeno a lui.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker