fbpx
MafiaNewsNews in evidenzaPolitica

Acireale, intimidazioni di stampo mafioso. Intervista a Nicola D’Agostino

 

dagostino1
L’on. Nicola D’Agostino, deputato Ars: prima Mpa, poi Udc ed attualmente iscritto al Gruppo Misto.

Non posso sapere chi sono gli autori: che siano gesti eticamente dannosi, di intimidazione, di carattere mafioso non ci sono dubbi. Che possono essere fatti da balordi o delinquenti, da mafiosi con la ‘m’ maiuscola o mafiosetti è possibile. Certo, non è un gesto qualsiasi.

 

 

Le ipotesi sono tante, ma per l’on. Nicola D’Agostino non c’è un particolare motivo che avrebbe potuto spingere a commettere un atto di tale portata, ovvero presentare il cranio di un capretto ed un bossolo di proiettile all’interno davanti la sua abitazione privata.

“Certamente noi abbiamo fatto tante di quelle cose – prosegue il deputato ARS- per quanto riguarda il mantenimento della legalità in questa città: evidentemente a qualcuno abbiamo pestato i piedi. Partendo dalla pista ciclabile, che ti permette di non avere la doppia fila e di cui i cittadini si arrabbiano perché non possono commettere la più banale delle illegalità, fino ad arrivare alla contestazione di chi non paga il suolo pubblico, siano essere fruttivendoli, ambulanti, paninari, chi vende il pesce e via dicendo.”

Subito si pensa all’appalto per l’affidamento della raccolta rifiuti, che dovrebbe durare 7 anni e di cui a luglio 2014 è stato annullato il bando. D’Agostino però smentisce le voci di corridoio, perché secondo lui ancora non esiste ancora niente di concreto: “Per quanto riguarda la spazzatura di che parliamo? Ancora non abbiamo fatto nulla in merito.”

Quindi il paragone con la precedente amministrazione. L’ex sindaco di Acireale, Nino Garozzo, su Facebook aveva espresso l’interesse “a comprendere quale attività di bonifica dalla illegalità è stata messa in atto tale da scatenare l’inferno e che prima veniva tollerata o peggio alimentata.” Di risposta il deputato regionale parla di una passata ed “enorme” presenza di abusivismo nell’hinterland acese ed invita ciascuno a decidere se “la nostra azione di contenimento e ripristino della legalità di questo territorio potrebbe aver scatenato queste iniziative. Cerchiamo di fare il nostro dovere, e penso che lo stiamo facendo abbastanza bene, correndo qualche rischio.”

 

 

Tags
Mostra di più

Alberto S. Incarbone

21 appena compiuti ed una vita da studente davanti, di fronte a me vedo sempre nuove vie d'uscita. Gioco a fare il giornalista da quasi due anni, collaborando con TRA tv e Il Mercatino, anche se qualche volta mi diletto a fare il cameriere. Amo viaggiare a piedi per la Sicilia, ma soprattutto parlare, parlare con i vecchi. Radio, televisione, carta stampata e web non mi bastano: sogno una terra vergine da esplorare, in cui comunicare col pensiero. Nel frattempo mi trovate in giro ad intervistare qualcuno, sperando di fare domande intelligenti.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.