fbpx
CronacheMafiaMultimediaNewsNews in evidenza

Acireale, in fiamme l’auto del sindaco Roberto Barbagallo VIDEO

Acireale – Incendiata questa notte l’auto del sindaco. Sono attualmente in corso le indagini dei Carabinieri. La Smart era parcheggiata nei pressi dell’abitazione del primo cittadino di Acireale Roberto Barbagallo. L’incendio ha distrutto completamente l’autovettura, coinvolgendone un’altra parcheggiata li vicino.

Su input dell’amministrazione Barbagallo di recente il consiglio comunale aveva approvato il regolamento per agevolazioni fiscali per chi denuncia il pizzo e l’usura. Ad Acireale l’anno scorso sono state arrestate diverse persone per usura, attualmente sotto processo. Non si esclude nessuna pista al momento, ma la cosa sicura è il fatto che gli autori sapevano benissimo che si trattava dell’auto del sindaco. Infatti la smart bianca raffigurante il logo di “vivaci” un ghiacciolo verde, era diventata il simbolo dell’azione amministrativa di Barbagallo, proprio perché rinunciando all’auto blu ha preferito utilizzare la sua inconfondibile autovettura.

Le reazioni

IMG_9816Sebi Leonardi, segretario del Partito Democratico acese, all’indomani del rogo che ha distrutto l’automobile del primo cittadino. “Sono vicino al sindaco di Acireale Barbagallo, no arretramenti sulla legalità” “Quanto è accaduto stanotte ci lascia turbati. Sono vicino al sindaco di Acireale Roberto Barbagallo ed ai suoi familiari”.  “Auspico che le indagini in corso facciano chiarezza su questo deprecabile gesto. Esprimo a nome mio e di tutto il Pd di Acireale la più ferma e severa condanna.” Alla solidarietà manifestata dal segretario Leonardi si associa Mario Gerbino, segretario dei Giovani democratici di Acireale.

Così il deputato Basilio Catanoso commenta le notizie sull’incendio della macchina privata del sindaco di Acireale, ing. Roberto Barbagallo.“Solidarietà al sindaco di Acireale Roberto Barbagallo, qualora dovesse trattarsi di atto intimidatorio visto che, fortunatamente, si attendono ancora le verifiche dei vigili del fuoco e delle autorità investigative che, al momento, non hanno trovato riscontro di atti dolosi. Qualora si trattasse  di atto intimidatorio, ci aspettiamo un forte impegno delle autorità preposte alle indagini per comprendere bene la situazione”.

e78f5be0b55601e0694a9d796ca73ee7Intervento telefonico del deputato regionale acese Nicola D’Agostino ‹‹Un gesto che ci lascia increduli. Non potevamo credere che il livello nella nostra città fosse scaduto fino a tanto. Ma se qualcuno pensa di farci cambiare idee e comportamenti, con questo vile attentato ha solo ottenuto l’effetto opposto: saremo più convinti ed ostinati di prima a ripristinare equità e legalità nella pubblica amministrazione, non avendo paura di toccare nervi scoperti: stiamo solo cercando di fare rispettare le regole! Non ci faremo intimidire da piccoli mafiosetti che pretendono attenzione: non solo non li conosciamo, neppure li staremo mai a sentire. Nei mercati e per strada le forze dell’ordine devono fare rispettare la legge meglio che in passato come già sta accadendo, non stiamo più consentendo abusivismo di nessun genere, né prepotenze e prevaricazioni, soprattutto non consentiremo più che a vario titolo si possa approfittare dei beni e delle risorse comunali. Andremo avanti nel nostro percorso di ripristino della legalità: abbatteremo l’ecomostro, ruoteremo i dirigenti comunali, contrasteremo le complicità dentro la Pubblica Amministrazione che creano condizioni di privilegio ed impoveriscono il patrimonio pubblico, saremo intransigenti negli uffici tecnici, non permetteremo più sprechi nella raccolta dell’immondizia. Chi vuole fermare tutto questo, si metta il cuore in pace. Il sindaco era già determinato prima, ora lo sarà ancora di più. E potrà contare sul pieno appoggio della città››.

La solidarietà del sindaco Bianco di Catania «Esprimo al sindaco di Acireale, Roberto Barbagallo, la mia vicinanza e la mia sentita e partecipata solidarietà personale, come sindaco e come Presidente del Consiglio Nazionale dell’Anci,  per il vile atto di cui è stato vittima”. Così Enzo Bianco, sindaco di Catania e Presidente dell’Assemblea Nazionale dell’Anci, nel momento in cui ha appreso la notizia dell’incendio dell’auto del sindaco di Acireale Roberto Barbagallo.
“Condanno con forza e fermezza il gesto criminale – aggiunge Bianco – che purtroppo si inquadra nel clima grave e pesante che vivono gli amministratori locali che sono in prima linea, costretti ad operare in condizioni difficilissime, a servizio dei cittadini e spesso, purtroppo, oggetto di intimidazioni, aggressioni e comportamenti violenti. Dico a Barbagallo, come dico a me stesso, di andare avanti con coraggio, forza e determinazione nel lavoro quotidiano. Auspico che le istituzioni possano presto assicurare alla Giustizia gli autori dell’inqualificabile gesto intimidatorio”.

Il sindaco del Comune di Aci Catena Ascenzio Maesano a titolo personale ed a nome della cittadina catenota, esprime solidarietà al primo cittadino di Acireale, Roberto Barbagallo, destinatario di un gesto ignobile e meschino. “L’intransigenza amministrativa che ha caratterizzato fin qui il cammino di Roberto Barbagallo, a qualcuno non è piaciuta. Ciò nonostante – continua Maesano – sono sicuro che non fermerà il percorso intrapreso con serietà ed abnegazione dal collega sindaco di acese. Si deve andare avanti, così come auspico che facciano le Forze dell’Ordine, fino ad individuare e riconoscere l’autore della bravata”.

Santo Caruso, sindaco di Aci Sant’Antonio “A Roberto Barbagallo, sindaco di Acireale, va la solidarietà e la vicinanza di noi tutti. Può sembrare un gesto meramente retorico la condanna di un attentato del genere, in realtà consideriamo quanto mai opportuno che la politica, le istituzioni ed i cittadini, si ritrovino uniti in un’unica schiera a combattere senza indugi chi si dichiara, tanto spavaldamente, nemico della libertà e della democrazia.
“Dove sono le armi
io non conosco
che quelle della mia ragione” (Pierpaolo Pasolini)

Il Movimento 5 Stelle di Acireale esprime solidarietà e sostegno al Sindaco per il vile gesto subito. “Un tale gesto va condannato perché ferisce profondamente non solo il soggetto offeso, ma ciò che lui rappresenta, il suo operato e tutti noi cittadini. Al di là degli steccati politici Barbagallo è il Sindaco di tutti i cittadini acesi. Manifestiamo fermezza nel difendere l’operato del Sindaco, anche se a volte da noi aspramente criticato, e solidarietà e vicinanza alla sua persona, certi che tali gesti non saranno sufficienti ad intimidire il primo cittadino e la sua giunta.
Auspichiamo inoltre che la magistratura e le forze dell’ordine facciano chiarezza quanto prima, identificando i vigliacchi colpevoli autori di questo gesto”.

Consiglio straordinario

Subito dopo la conferenza stampa stamattina è stata convocata una riunione straordinaria della Giunta comunale a Palazzo del Turismo.

Gli assessori e il segretario generale del Comune di Acireale hanno espresso piena solidarietà e vicinanza al sindaco, Roberto Barbagallo. Concordi, il primo cittadino e gli assessori, hanno ribadito l’intenzione di continuare ad operare secondo i principi della massima legalità e trasparenza: ‹‹E’ un segnale che non ci intimidisce, ma ci sprona ad andare avanti con la nostra azione amministrativa e, quando e se sarà necessario, ad agire con maggiore fermezza››.

Il presidente del consiglio comunale, Rosario Raneri, ha dichiarato: ‹‹Esprimo solidarietà a nome di tutto il consiglio comunale al sindaco Roberto Barbagallo, vittima di un grave e vile atto intimidatorio, opera di delinquenti, che mirano a destabilizzare la sua attività politica. Sicuramente la strada intrapresa dal sindaco, dall’amministrazione e dal consiglio comunale dà molto fastidio a chi non rispetta la legalità e soprattutto a chi non ha accolto favorevolmente alcuni atti deliberativi che si schierano apertamente a favore del rispetto delle regole e della legge››. Il presidente Raneri, di concerto con i capigruppo, ha convocato per lunedì mattina un consiglio comunale straordinario in modo che tutto il civico consesso, e quindi la città, possa confrontarsi sull’accaduto.

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.