fbpx
Cronache

Acireale festeggia con successo la rottura del Ramadan

in piazza duomo centinaia di persone partecipano all'iftar street

Acireale partecipa calorosamente all’iftar street. La manifestazione con il pasto che segna la rottura del digiuno musulmano è un successo.

 Acireale e l’iftar street

acireale iftarTanta gente domenica sera in piazza duomo ad Acireale per festeggiare la rottura del ramadan, il digiuno musulmano.

L’Iftar street, organizzato dalla federazione regionale islamica con il patrocinio del comune di Acireale e dell’associazione costarelli si può considerare infatti un vero successo.

Mentre sul campanile della cattedrale sventola ancora il tricolore,la piazza si riempie di sapori e profumi variegati.

Tra i tavolini allestiti per l’occasione girano infatti cous cous e zuppe marocchine.

Acesi, palestinesi, egiziani, marocchini, etiopi, tunisini, insieme in un mix variegato di persone e dialetti che colora in maniera unica la piazza.

Le critiche per la coincidenza tra l’iftar e la celebrazione della festa della repubblica sono già dimenticate, c’è adesso spazio soltanto per sorrisi e condivisione.

«Sono felice di aver contribuito alla realizzazione di questo evento riuscito al 100%», dice il consigliere comunale Fabio Manciagli, promotore dell’iniziativa.

acireale islamTra gli astanti anche il sindaco di Acireale, Stefano Alì. «Conoscere gli altri è sempre un momento di crescita», commenta il primo cittadino, visibilmente soddisfatto della buona riuscita della manifestazione.

«Un segno di rispetto e di accoglienza», sostiene il vescovo Antonino Raspanti mentre riceve il saluto di Ismail Bouchnafa, presidente della federazione islamica, «Siamo molto felici», commenta Bouchnafa.

Alla fine del momento conviviale la piazza viene completamente ripulita.

Scope, moci ed i bidoni per la raccolta differenziata sono una dimostrazione di civiltà che probabilmente servirà da lezione a numerosi cittadini di acireale, poco abituati a trattare con cura gli spazi sociali.

Servirà loro da lezione sopratutto la nutrita partecipazione con cui la città ha risposto all’appello di condivisione lanciato dall’amministrazione.

Acireale si dimostra una città aperta che non teme di condividere piazze, tavoli, sedie, cibo e perchè no, anche una festa nazionale.

 

 

 

 

 

 

Tags
Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker