fbpx
CronacheFlashNews

Acireale: discarica abusiva e degrado in via Sclafani

 

Uno dei problemi principali che compromettono la salute ambientale di Acireale, viene rappresentato dall’ostica piaga delle diverse discariche abusive a cielo aperto presenti sul vasto territorio comunale. In questi casi si assiste sempre ad una situazione di concorso di colpa che coinvolge due differenti categorie: la prima categoria coinvolge chi sporca e chi lascia per strada i propri rifiuti, dimostrando un atteggiamento incivile che non tiene conto delle regole minime per vivere decorosamente in una società, mentre dall’altro lato della medaglia si assiste alla mancanza di controllo del territorio da parte delle istituzioni, chiamate a mantenere la pulizia e l’ordine di una città, oltre che a punire i responsabili di azioni che mettono a rischio la salute pubblica.

Una delle discariche abusive presenti sul territorio acese si trova in un angolo di via Sclafani, arteria stradale dove c’è l’ingresso secondario del cimitero comunale, la quale viene frequentata ogni giorno da centinaia di automobilisti che, soprattutto nelle ore di punta, la utilizzano per evitare il notevole traffico all’uscita dei vicini istituti scolastici. Come si evidenzia dalle foto a noi inviate da una cittadina acese che quotidianamente transita dalla zona, nella discarica abusiva ci sono degli elettrodomestici abbandonati ed un nutrito gruppo di copertoni, i quali se incendiati potrebbero causare un danno all’atmosfera a causa dell’inquinamento prodotto.

Le condizioni generali della zona, appartata, isolata da occhi indiscreti e caratterizzata da un bassissimo numero di residenti, favoriscono la condotta dei soliti incivili che soprattutto nelle ore serali approfittano del buio per abbandonare ogni genere di rifiuti in maniera del tutto indisturbata. La situazione persiste da oramai parecchi mesi e le segnalazioni fatte da alcuni cittadini agli uffici comunali preposti, finora non hanno trovato risposte concrete.

Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button