fbpx
CampagneNewsPolitica

Acireale comune capofila di Libero Consorzio?

E se Acireale divenisse città capofila di un libero consorzio comunale? È la proposta che giunge da Nando Gambino, portavoce del Comitato a difesa delle Aci, a tutti i deputati regionali siciliani. Ciò si realizza con l’ipotesi di costituzione di due liberi consorzi nello stesso territorio dell’ex provincia di Catania. La missiva porta la firma del 29 dicembre e in pratica ipotizza quella richiesta antica, partita da Acireale, che prevedeva la creazione di Acireale provincia.

Oggi, in termini diversi, si ripropone la questione. È vero i termini per la istituzione di nuovi liberi consorzi in Sicilia sono scaduti, rimanendo così i nove già istituiti per legge ma Nando Gambino pone l’accento “la città metropolitana di Catania divide in due parti l’ex provincia senza che tra le stesse ci sia continuità territoriale – spiega – con la conseguenza che, di fatto, quivi, esistono due liberi consorzi, ma di diritto costituentine uno solo. Non può non tenersi conto di questa situazione singolare, che necessita la suddivisione dell’ex provincia di Catania in due liberi consorzi comunali, i cui territori, non confinanti, hanno caratteristiche diverse.”

L’Assemblea Regionale, tra non molto, affronterà la discussione e la decisione sul recente disegno di legge della Giunta Regionale e sui vari disegni di legge dei gruppi assembleari in materia.

La conformazione del Libero Consorzio Jonico Etneo paventata dal comitato ricomorenderebbe (in ordine decrescente di popolazione) di Acireale, Adrano, Aci Catena, Giarre, Biancavilla, Bronte, Aci Sant’Antonio, Riposto, Mascali, Randazzo, Fiumefreddo, Santa Venerina, Linguaglossa, Calatabiano, Piedimonte Etneo, Maletto, Maniace, Castiglione di Sicilia, Sant’Alfio e Milo, con una popolazione di poco meno di trecentomila abitanti.

L’altro libero consorzio sarebbe costituito dal territorio di tutti i comuni a sud dell’attuale città metropolitana di Catania.

cosa ne pensano i lettori dell’Urlo? Votate il sondaggio

[poll id=”4″]
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker