CronacheNews

Acireale, bomba carta contro l’auto della moglie del sindaco. Barbagallo: “Continueremo la nostra attività amministrativa”

Intorno l’una e trenta è esplosa una bomba carta contro l’auto della moglie del sindaco di Acireale Roberto Barbagallo. La vettura, una Fiat 500 nera, era parcheggiata nei pressi dell’abitazione del primo cittadino.  La strada è stata chiusa per i rilievi di Carabinieri e Polizia di Stato.

“E’ brutto vedere ripetersi un’azione del genere dopo poco più di due mesi  –  ha dichiarato il sindaco Barbagallo, riferendosi anche all’atto intimidatorio subito dal deputato Ars Nicola D’Agostino –  Si vede che a qualcuno non piace la legalità. Noi, naturalmente continueremo con la nostra attività amministrativa. Abbiamo fiducia negli inquirenti perchè facciano luce su queste azioni e chiudano la vicenda”.

Il 21 febbraio era stata incendiata l’auto del sindaco. La Smart era parcheggiata vicino l’abitazione del primo cittadino di Acireale Roberto Barbagallo. Il giorno dopo Barbagallo aveva indetto una conferenza stampa ed era stato convocato un consiglio comunale straordinario. Barbagallo aveva dichiarato: «E’ un segnale che non ci intimidisce, ma ci sprona ad andare avanti con la nostra azione amministrativa e, quando e se sarà necessario, ad agire con maggiore fermezza».

LE REAZIONI

[Foto: Vincenzo Profeta]

 

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.