fbpx
CronacheIntervisteNews

Acireale, assessore Sardo: “Sport cittadino trascurato. PalaVolcan? Sarà riaperto nel 2016”

Nel corso di una conferenza stampa convocata per l’occasione, nella mattinata di sabato è stato ufficializzato un avvicendamento all’interno dell’amministrazione comunale acese guidata dal sindaco Roberto Barbagallo. Per la precisione, il cambio in giunta riguarda l’assessorato allo sport, dove l’uscente Francesco Carrara ha lasciato il posto a Giuseppe Sardo. Giovane acese volto nuovo della politica locale, Sardo inizia così la sua prima esperienza amministrativa. Intervistato dai nostri microfoni, il nuovo assessore ha parlato dei suoi obiettivi in questo ruolo, della situazione dello sport e degli impianti sportivi presenti sul territorio acese.

Assessore Sardo, primo di tutto le chiedo come è nato il suo ingresso in giunta comunale…

<<Dopo la campagna elettorale del 2014 che si è conclusa con la vittoria dell’attuale sindaco Barbagallo, si era stipulato un accordo riguardo un turn over all’interno della lista Cambiamo Acireale. La citata rotazione riguardava il ruolo di assessore allo sport ed alle politiche giovanili perchè da parte del sindaco e del gruppo Cambiamo Acireale, c’era l’intenzione di dare spazio a quanti più giovani possibile all’interno dell’amministrazione comunale. Questa rotazione è stata ideata in modo tale da dare l’occasione a più persone di crescere e di fare bene per la propria città>>.

Come valuta il lavoro fatto dal suo predecessore Francesco Carrara?

<<Francesco ha lavorato benissimo e questo è sotto l’occhio di tutti. Personalmente riconosco la bontà del suo lavoro perchè è un amico e mi sono sentito onorato di essere rappresentato da lui. Carrara ha fatto il massimo con le poche risorse disponibili ed è stato bravo ad ottenere ottimi risultati; faccio l’esempio del recupero del campo di Guardia, un impianto sportivo in cui lui ha lavorato da tutti i punti di vista. Purtroppo, il campo di Guardia è stato vandalizzato e ci sono dei problemi, ma a giorni farò un sopralluogo nella struttura per vedere il da farsi>>.

Capitolo stadio “Tupparello”. Come vuole operare in un impianto sportivo ancora incompleto dopo decenni?

<<Purtroppo è la verità. Lo stadio “Tupparello” presenta alcune lacune perchè è nato male, ma noi dobbiamo lavorare con quello che abbiamo e cercheremo di ottimizzare al massimo le risorse disponibili. Al momento stiamo lavorando affinchè ci possa essere un campo in erba sintetica al “Tupparello” ed affinchè si possa partecipare ad un bando per ottenere il finanziamento del progetto; vista la situazione attuale del campo, il terreno di gioco in erba sintetica rappresenta una priorità che non si può più rinviare. Con l’Acireale Calcio ragioneremo in questa direzione, non solo riguardo il campo in erba sintetica, ma anche sulla gestione della struttura. Da parte mia ci sarà un impegno costante per reperire i finanziamenti necessari per realizzare questo progetto perchè per la situazione attuale è impossibile fare un sintetico con fondi comunali. Pista d’atletica? I finanziamenti c’erano ed il progetto per restaurare la pista d’atletica era in graduatoria; vedremo il da farsi e ci impegneremo per recuperare questi fondi. Sicuramente farò un sopralluogo al “Tupparello” per costatare di presenza la situazione generale dell’impianto sportivo>>.

Sempre sullo stadio “Tupparello” bisogna sottolineare che la struttura non ha ancora un’intitolazione ufficiale…

<<E’ un dibattito aperto e spero che al più presto si possa raggiungere una soluzione. C’erano diverse opzioni riguardo l’intitolazione dello stadio; credo che intitolare lo stadio ad “Aci e Galatea” potrebbe essere una buona idea per valorizzare le origini mitiche della nostra città, ma mi informerò meglio sulla vicenda e cercheremo di trovare una intitolazione condivisa con tutti gli acesi>>.

Qual è il suo giudizio sulla situazione dell’impiantistica sportiva acese?

<<Per tanti anni lo sport in generale in questa città è stato trascurato, poi sicuramente ha anche inciso molto il difficile periodo di crisi economica delle amministrazioni locali. Per riqualificare le strutture pubbliche sportive bisogna partecipare a dei bandi di finanziamento oppure bisogna sperare nell’intervento di un investitore privato. Purtroppo la situazione non è ottimale e secondo me bisogna fare dei piccoli interventi su tutte le strutture sportive, anche in base ai fondi economici a nostra disposizione>>.

Capitolo PalaVolcan. Come si intende operare in una struttura sportiva chiusa da oltre un anno a causa di una tromba d’aria?

<<Posso dire che siamo nelle condizioni di effettuare un grosso investimento per ripristinare la struttura visto che abbiamo a disposizione un finanziamento di circa 442 mila euro. Siamo già in gara d’appalto; aspettiamo i tempi tecnici e burocratici del caso in modo da poter iniziare i lavori nel giro di qualche mese. Seguiremo i lavori affinchè vengano fatti bene perchè al di là della tromba d’aria, l’impianto sportivo del PalaVolcan ha sempre dato dei problemi. La città di Acireale nel 2016 riavrà il PalaVolcan, ma attualmente non so dare dei tempi precisi. Interverremo sul tetto, nei muri, negli infissi e cambieremo il parquet di legno. Riqualificheremo la struttura da tutti i punti di vista>>.

Le associazioni di volontariato e le società sportive hanno avuto molti disagi dopo la chiusura del PalaVolcan…

<<Assolutamente si. Nello specifico l’associazione 104orizzontale merita tutta l’attenzione possibile come del resto le società sportive che utilizzavano la struttura perchè il PalaVolcan era diventato il fulcro dello sport acese. Purtroppo, in assenza di un impianto sportivo, molte società hanno ridimensionato i propri programmi e stanno ancora avendo dei notevoli disagi logistici ed organizzativi. Sul PalaVolcan sono molto attento prima da cittadino acese e poi da assessore al ramo. Mi sento di poter rassicurare tutte le società sportive perchè sono molto disponibile per lavorare insieme e per risolvere le varie problematiche>>.

Capitolo iniziative. Cosa c’è in programma?

<<Resto dell’idea che lo sport debba essere coniugato con il sociale e lo sport possa garantire dei buoni momenti di aggregazione alla cittadinanza. Abbiamo confermato l’iniziativa scuole in sport e quest’anno sarà aperta a tutti gli istituti scolastici di ogni ordine e grado. Stiamo lavorando anche su altre manifestazioni sportive e confermeremo la corsa podistica su strada nel periodo di carnevale>>.

Capitolo vecchio stadio “Comunale”. Si vocifera che nei prossimi anni questo impianto sportivo potrebbe diventare un parcheggio…

<<Stiamo cercando uno spazio importante all’interno della città da utilizzare per varie esigenze e per lo sviluppo economico della zona, non solo come parcheggio. Posso dire e voglio sottolineare che per evitare disagi alle società sportive, prima di realizzare i vari progetti sul “Comunale”, troveremo un’alternativa; a tal proposito stiamo cercando di lavorare sulla soluzione di riqualificare gli impianti sportivi del “Collegio Pennisi”, ma per quanto concerne le modalità definiremo i dettagli più avanti>>.

Quali obiettivi si pone in questa esperienza amministrativa?

<<In ambito politico ed amministrativo questa è la mia prima esperienza. Metterò grande impegno, passione, entusiasmo e disponibilità in questo incarico. Posso dire alle società sportive acesi che sarò sempre presente per le loro esigenze>>.

Fonte foto: Fabio Consoli.

 

 

 

Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button