fbpx
CronacheNewsNews in evidenza

Acireale all’Arena di Gilletti: Assenteisti buoni o cattivi

Il caso dei 62  assenteisti ad Acireale  non accenna a placarsi; arriva a parlarsene anche all’Arena, il programma condotto da Massimo Gilletti.

Anche Rai Uno quindi punta telecamere e microfoni su alcuni dipendenti coinvolti e liberi cittadini, ormai da una settimana sotto i riflettori dei media.

Emblematiche le risposte di alcuni dei coinvolti: “Se avessimo fatto una rapina non se ne sarebbe accorto nessuno”.

Mentre il sindaco Roberto Barbagallo stavolta vola a Roma, ospite in studio di Gilletti, ribadisce ciò che ormai dice dall’inizio della vicenda:”L’amministrazione ha preso provvedimenti, i quindici indagati sono stati sospesi, seguiremo le direttive della magistratura”. Suscita l’ilarità di Gilletti e dello studio quando Barbagallo prende le distanze e resuscita un patto del nazareno tutto acese.

Tutto questo dimenticando quando detto dalla Procura della Repubblica di Catania in conferenza stampa, che ha definito gli assenteisti “parissiti” e rilevando una mancata vigilanza da parte di chi era preposto a farlo, amministrazione compresa.

A pochi minuti dalla fine della trasmissione però, giunge immediata  la risposta del deputato acese e segretario Regionale del PD per la Sicilia On.le Fausto Raciti, tutt’altro che ilare, ” l’amministrazione Barbagallo si assuma le proprie responsabilità. – dichiara in un comunicato stampa -Grottesco, surreale: anziché assumersi le proprie responsabilità, il sindaco di Acireale Roberto Barbagallo va in giro per salotti televisivi a dipingersi come un eroe. E pensare che l’indagine della Procura ci dice che un dipendente comunale su dieci era assenteista, mentre l’amministrazione comunale non si accorgeva di nulla. Com’è possibile? Un dato è certo: la Magistratura, purtroppo, è arrivata prima dell’amministrazione. Per fortuna sono stati i cittadini acesi a denunciare. Non so con quale coraggio, oggi, il sindaco ed i suoi sodali vogliano farci credere di aver messo in moto una rivoluzione burocratica che non esiste. Il sindaco – prosegue Raciti – la smetta una buona volta di vendere fumo e agisca: la stessa Procura della Repubblica di Catania, nelle dichiarazioni rese alla stampa, si è chiesta come mai i livelli dirigenziali del Comune non si siano accorti di un simile livello di assenteismo negli uffici”.

I cittadini intanto sono arrabbiati e attendono che la magistratura si esprima su gli altri 47 indagati i cui nomi non sono stati ancora resi noti.

I video di Barbagallo in diretta su Rai1

[youtube url=”https://www.youtube.com/watch?v=Fzj0WD3TKdM&feature=youtu.be” width=”500″ height=”300″]

“L’amministrazione sta facendo progressi”

[youtube url=”https://www.youtube.com/watch?v=BopfmzqKG8s&feature=youtu.be” width=”500″ height=”300″]

“Chi c’ha il lavoro non vuole lavorare e chi lo cerca non lo trova…”

[youtube url=”https://www.youtube.com/watch?v=MGW07rPagO4&feature=youtu.be” width=”500″ height=”300″]

Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button