CronacheNewsNews in evidenza

Acireale al centro d’Europa con l’arrivo di cento giovani stranieri

Oltre cento giovani provenienti da quindici paesi diversi d’Europa, durante tutto il 2015, ad Acireale. Il MoDaVi Onlus – Federazione Regionale Sicilia scommette sul proprio territorio con tre grandi progetti di respiro continentale: “Let’s Learn Tech!”, “Technological Youth Work” e “[email protected]. Tutti progetti rientranti nel capitolo “Gioventù” del programma europeo “Erasmus+”. L’uso sano delle tecnologie affrontato con incontri informali e dibattiti tra giovani provenienti da Armenia, Azerbaijan, Bulgaria, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Turchia, Ucraina, Estonia, Lettonia, Portogallo, Albania, Spagna, Serbia e Grecia. Il primo progetto avrà luogo proprio nella città dei cento campanili, dal 7 al 13 aprile. La realizzazione degli altri progetti è fissata per i mesi di ottobre e novembre. Un’occasione insomma per affrontare tematiche scottanti come il cyber bullismo e la dipendenza da social network. Ad illustrare questi nuovi progetti, presso la sede del Mo.Da.Vi di Acireale, proprio la presidente nazionale MoDaVi, Maria Teresa Bellucci. Ad affiancarla, durante la conferenza stampa, il presidente dell’Associazione Elios di Acireale, Giacomo Antronaco, il coordinatore del gruppo informale “GiovanEuropa”, Orazio Fiorini ed il neo eletto presidente del MoDaVi Acireale, Domenico Anastasi.

Presidente Bellucci, anche in Sicilia il mondo delle Onlus pare essere molto attivo. Il MoDaVi non sta di certo a guardare.

Maria Teresa Bellucci: Sono davvero entusiasta per la qualità e la rilevanza dei progetti di scambio europeo presentati oggi dalle nostre associazioni affiliate al MoDaVi Onlus. La massiccia partecipazione dei cittadini acesi ha dimostrato che la città è davvero pronta ad accogliere oltre 100 giovani provenienti da 15 differenti paesi d’Europa e ad inviare 40 giovani italiani in giro per l’Europa.
Siamo profondamente convinti che lo scambio culturale sia uno strumento fondamentale per la costruzione di una vera Europa dei Popoli, sia sotto il profilo di una forte identità europea che sotto quello della cittadinanza attiva.

Orazio Fiorini, coordinatore del gruppo informale “GiovanEuropa”, ci spiega cos’è e di cosa si occupa il MoDaVi?

Orazio Fiorini: Il MoDaVi è il Movimento delle Associazioni di Volontariato italiane. Ha sede a Roma e raggruppa al proprio interno altre associazioni di volontariato e promozione sociale che operano in tutto il territorio nazionale. I temi da noi affrontati sono molteplici: inclusione sociale, volontariato, sensibilizzazione verso la dipendenza da droghe e gioco d’azzardo, gestione di asili, immigrazione, cooperazione internazionale e protezione civile.

Giacomo Antronaco, presidente dell’Associazione Elios di Acireale. Che ruolo svolge l’Associazione acese “Elios”?

Giacomo Antronaco: Elios è un’associazione culturale, affiliata al MoDaVi, attiva nel 2007 ad Acireale. Ci siamo occupati di molteplici tematiche con un soddisfacente successo. Ci siamo serviti dello sport, ad esempio, per sensibilizzare i giovani verso i danni provocati dalle droghe ma ci siamo interessati anche di occupazione e risparmio energetico. Tutto cercando collaborazioni con enti prestigiosi come l’Università di Catania, il comune di Catania e quello di Acireale.

Come si svolgono questi momenti di condivisione e dibattito con i gruppi di giovani europei che dovranno arrivare ad Acireale nei prossimi mesi?

Orazio Fiorini: Saranno grandi momenti di formazione e condivisione. Ci sarà un vivacissimo e proficuo scambio di opinioni e visioni di molteplici tematiche. Non mancheranno le considerazioni socio-politiche sul momento che attraversa oggi l’Europa. Non meno importante sarà la promozione che noi faremo del nostro territorio con potenziali futuri turisti.

Acireale quest’anno ospita tanti giovani europei. Lei ha partecipato a scambi europei? Che esperienza ha maturato?

Orazio Fiorini: Le attività svolte all’estero mi hanno dato la possibilità di creare un network di collaborazioni ed amicizie saldissime. E’ importante confrontarsi con altri giovani europei e conoscere altre realtà associative di altri paesi. A Nyíregyháza ad esempio, in Ungheria, ho avuto l’onore di confrontarmi con molti partecipanti non italiani su temi di grande attualità e profondità riguardanti la coscienza civile del cittadino europeo e la partecipazione dello stesso all’evoluzione culturale e politica europea.

Tags
Mostra di più

Biagio Finocchiaro

Mafia, libri, vacanze, satira, costume, interviste, viaggi, politica internazionale e forse qualcosa in più. Potete pure evitare di leggerlo. Nulla di eccezionale. Credetemi. Tanto scrive quando vuole, di ciò che vuole e soprattuto se vuole. Al massimo un pizzico di acido sarcasmo e qualche discreta invettiva, molto buon disordine, svogliatezza, prolissità patologica, ingenuità congenita. Nulla più di un calabrone che, nella disperata voglia di fuggire via, si schianta e si rischianta contro il vetro di una finestra.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.