fbpx
NewsPolitica

Acireale adotta agevolazioni per chi denuncia l’usura e il pizzo

Il consiglio comunale acese approva all’unanimità il regolamento a favore dei commercianti vittime di racket e usura. L’amministrazione guidata dal sindaco Roberto Barbagallo aveva già da tempo espresso la volontà di venire incontro ai commercianti con le eventuali misure da adottare. Il progetto coinvolge l’associazione antiracket Asara, in collaborazione con le forze dell’ordine.

Il regolamento, che vede come prima firmataria il consigliere Adriana Finocchiaro, contiene le norme per la tutela degli esercenti che denunceranno i danni subiti, i quali potranno beneficiare di uno sgravio sui tributi di interesse locale, imposta comunale sulla pubblicità, saranno esenti dai canoni idrici per un periodo di 10 anni e dai canoni di concessione dei posti dei mercati comunali. Potranno beneficiarne quei commercianti che presenteranno denuncia, fornendo elementi utili alle forze dell’ordine per risalire ai responsabili. Una volta confermata l’avvenuta estorsione, la vittima sarà tutelata costantemente dalle autorità, che forniranno tutta la documentazione necessaria affinché il soggetto possa godere delle esenzioni previste. Verrà deciso se applicare un’esenzione o un rimborso totale in base alle richieste avanzate durante l’anno dal commerciante e in base ai fondi presenti nel bilancio. Inoltre, il regolamento prevede che il comune si costituisca parte civile nei processi.

Il sindaco Roberto Barbagallo, soddisfatto in seguito all’approvazione, dichiara: “Siamo arrivati all’approvazione del regolamento che ci consentirà, come amministrazione, di dare un contributo e un segnale concreto di contrasto a queste attività criminali, che sono strumento di arricchimento delle organizzazione mafiose e rischiano di danneggiare pesantemente imprenditori e professionisti. Abbiamo colto la proposta dell’Associazione antiracket acese, che da anni opera sul territorio e conosce queste problematiche da vicino, e il suggerimento di alcuni cittadini in campagna elettorale, e abbiamo voluto dare un sostegno ai cittadini che si trovassero ad essere vittima di estorsione e usura” . Anche il consigliere Salvo Seminara si dice soddisfatto: “Acireale, come già in diversi comuni, vuole adottare delle misure in questo senso, contro la criminalità e a favore delle attività presenti nel nostro territorio. Nelle prossime sedute verrà aperto un capitolo di bilancio specifico per poter fronteggiare alle eventuali spese”. L’amministrazione vedrà di accedere alle somme previste dallo stato nei confronti dei soggetti danneggiati dalle attività estorsive, regolamentate dalla legge 44 del 1999.

Il consiglio comunale ha poi eletto i componenti del Collegio dei revisori dei conti. Tra le 26 candidature pervenute all’ente sono stati scelti Filippo Sciacca, come presidente, Paolo Bonaccorso e Cristina Lucifero. Slitta alla prossima seduta in calendario, lunedì 19 gennaio, la discussione sul Regolamento per l’istituzione del Garante dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.

Tags
Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker