fbpx
GiudiziariaNewsNews in evidenza

Aci Catena, Corte dei Conti condanna l’ex sindaco Nicotra. Danno per oltre 60mila euro

Dal 2008 al 2011, Pippo Nicotra, allora sindaco di Aci Catena, ha affidato a consulenti esterni la programmazione di manifestazioni culturali, gestione di problematiche ambientali e di protezione civile, sviluppo del territorio in merito alla programmazione delle opere pubbliche e  contrasto all’evasione tributaria, causando al suo comune un danno per oltre 60 mila euro. A condannarlo, la Corte dei Conti, presieduta da Luciana Savagnone, che ha analizzato il periodo in cui Nicotra era sindaco.

La vicenda

Secondo la Corte dei Conti, la creazione di uno staff esterno per dei compiti che gli stessi dipendenti dell’ente avrebbero potuto svolgere, ha creato un danno. Inutile la spiegazione dell’ex primo cittadino, secondo cui i compensi erano inferiori a quelli percepiti dagli interni. Una spiegazione che non ha convinto i magistrati contabili che hanno sottolineato la poca trasparenza delle scelte di Nicotra, come nel caso di un dipendente di altra amministrazione che, per svolgere l’incarico, non aveva proceduto a regolarizzare l’aspettativa senza assegni.

Per la Corte dei Conti, quindi, l’ex sindaco avrebbe  violato i principi fondamentali che presiedono all’attività amministrativa, nonché disposizioni di facile interpretazione. Per questo, oltre al pagamento delle spese processuali, Nicotra dovrà pagare al comune di Aci Catena 59.875,23 euro.

Nicotra, proprio a gennaio scorso, era stato indagato insieme all’ ex vice sindaco di Aci Catena Francesco Salvatore Petralia e dell’ex consigliere del Comune di Aci Sant’Antonio Salvatore Sorbello, per truffa aggravata ai danni dello Stato. Inizialmente era stato disposto il sequestro preventivo, poi annullato.

 

Tags
Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker