fbpx
NeraPrimo Piano

Accende il barbecue e il vicino gli spara. Muore sul colpo muratore

Avrebbe ucciso il vicino dopo una violente lite a causa di un barbecue poco gradito.

Pietro Bilitteri, 60 anni e Cosimo D’Aleo, 43 anni, erano mesi che vivevano contrasti. I due vivevano nello stesso palazzo a Sferracavallo, nel palermitano, e i litigi per problematiche di vicinato erano all’ordine del giorno. Ma nessuno avrebbe mai immaginato che una discussione, per quanto accesa, tra vicini potesse trasformarsi in un omicidio.

Il barbecue fatale

Intorno alle 21 di ieri sera, D’Aleo che abitava al piano terra ha deciso di arrostire la carne all’esterno. Pare che Bilitteri abbia poco gradito tale decisione e si sarebbe recato presso la vittima per protestare, in quanto il fumo proveniente dal barbecue lo infastidiva.

Ma la diatriba tra i due vicini si sarebbe accesa a tal punto che l’omicida sarebbe salito in casa per prendere la pistola. Poi risceso dal vicino avrebbe sparato a D’Aleo davanti agli occhi increduli della moglie.

L’autore del folle gesto prima si è rifugiato nel suo appartamento, poi è scappato a bordo della sua Ford Fiesta armato. Ma è stato trovato ed arrestato dalla polizia in un magazzino nel quartiere di Marinella.

Le dichiarazioni dell’omicida sono “fredde”: «Il vicino faceva il barbecue e impuzzava il mio terrazzo. Subivo continue angherie da quel vicino».

EG.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button