fbpx
CronacheNews

A Stazzo allarme al verme che brucia più delle meduse

Nell’estate 2017 bisognerà fare attenzione al verme cane, un verme marino altamente urticante.

Già da giorni nel messinese si lancia l’allarme sulla presenza di questo essere che vive soprattutto sui fondali marini rocciosi, dei mari tropicali e sub-tropicali, Mediterraneo compreso. Da alcuni anni ha cominciato a proliferare, a causa del riscalmento globale. Gli esperti fanno sapere che da sempre è un abitatore delle acque dello stretto.

Da ieri è stato segnalato anche a Stazzo piccola frazione a mare di Acireale. Di norma ha abitudini notturne ma sta cambiando e lo si incontra anche di giorno e non più a grandi profondità come era solito. Da alcuni anni ha cominciato a proliferare e viene segnalato a profondità di bagnante le cause sono rintracciate non solo nel riscaldamento globale ma anche nell’inquinamento del mare.

Se sfiorato involontariamente, le setole bianche di cui è dotato, provviste di tossine, scagliate contro un aggressore (uomo compreso), sono in grado di infliggere dolorose irritazioni e una volta entrati sotto pelle sono difficili da rimuovere.
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button