fbpx
CronacheNews

A Natale “si tira a campare” nei negozi del capoluogo etneo

Quelli che si stanno attraversando sono giorni davvero importanti. Mentre in ambito religioso la chiesa cattolica in questo periodo dell’anno celebra la natività di Gesù Cristo, dal punto di vista economico per la maggioranza della gente il Natale è sempre sinonimo di regali e di spese. A Catania, nello specifico in via Etnea e dintorni, ovvero la zona che da sempre rappresenta l’anima del commercio locale, la situazione non è delle più brillanti in base ai dati ed alle dichiarazioni che abbiamo raccolto in una mattinata di un giorno prenatalizio.

Bisogna partire dal presupposto che in via Etnea le persone che passeggiano non mancano, ma ad occhio si può notare come in molti negozi anche in orari di punta ci sia una situazione semi deserta. Alla crisi generale che affligge il settore, sembrano comunque tenere le grandi firme della moda che attraggono una maggiore affluenza di clienti rispetto ai normali negozi. Il movimento ed il passeggio nel centro storico catanese sono entrambi elementi che sono molto presenti ad ogni ora nel giorno, ma a venire meno sono proprio gli acquisti nella maggioranza del campione dei commercianti da noi interpellati riguardo la situazione dell’andamento degli affari.

Al nostro sondaggio fra gli operatori commerciali alcuni si dimostrano restii, preferendo rinviare il bilancio delle vendite a dopo le festività, mentre altri, la maggioranza a dire il vero, non si ritengono del tutto soddisfatti delle vendite finora realizzate in questo periodo. Risulta emblematica la dichiarazione a noi rilasciata da un commerciante operante nel settore dell’abbigliamento, una posizione, quella raccolta, condivisa in linea di massima dal buon 90% dei negozianti: «Diciamo che ci sono stati dei tempi migliori e la crisi economica sta incidendo sul nostro settore. Essendo periodo di festività ci aspettiamo un numero di vendite maggiori, ma riguardo lo specifico settore in cui lavoro si assiste ad una situazione abbastanza stazionaria».

In contrasto con una via Etnea dal commercio non più brillante come un tempo c’è la storica fiera, che vede una massiccia presenza di clientela, un segno evidente che molti catanesi hanno la tendenza di provare a risparmiare in tempi di crisi economica come quelli attuali, cercando di acquistare delle merci o dei prodotti a prezzi minori.

Un discorso a parte può essere dedicato al settore dei finanziamenti. Infatti, su un campione di circa venticinque agenzie da noi interpellate che operano nel settore del prestito di denaro, emerge la tendenza dei catanesi a cercare degli aiuti economici per fare fronte alle esigenze di prima necessità e non un sostegno per i regali o le spese natalizie. Tuttavia, in tema di spese natalizie legate alle finanziarie, è prevalente l’usanza di richiedere un prestito economico per farsi un viaggio in modo da trascorrere le festività in località esotiche. 

 

 

Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button