fbpx
NeraNews

5 anni di bastonate per madre e sorella. Arrestato cingalese ad Acireale

Acireale – Per ben 5 anni, ogni giorno ha percorso la madre 43enne e la sorella 27enne. Per farlo usava due bastoni ricavati da un’unico manico di scopa, alle cui estremità era stato avvolto dello scotch adesivo per migliorare l’impugnatura.

Le ha picchiate per 5 anni fino a giovedì sera quando è stato tratto in arresto in flagranza di reato da una squadra “volante” della questura di Acireale. L’uomo Warnakulasuriya Rosheshan è un cittadino cingalese di 23 anni che abitava insieme alle sue vittime in via San Giuseppe nella città delle cento campane, dove sono intervenuti gli agenti della polizia. Dopo aver ricevuto una segnalazione il personale della volante ha trovato le due donne insaguinate riverse sull’androne di casa mentre il loro carnefice era barricato all’interno dell’abitazione.

All’intimazione perentoria dei polizziotti, l’aggressore è uscito dall’appartamento, consegnando spontaneamente gli strumenti di tortura che era solito usare: oltre i bastoni, un coltello a scatto ed un altro oggetto contundente ovvero un forchettone di legno con i denti rotti probabilmente a causa dei colpi inferti. Le “armi” sono state sequestrate.

Una vicenda familiare penosa, piena di maltrattamenti, violenze e malvessazioni quotidiane. Le due donne subivano le percosse quasi assoggettate psicologicamente dal comportamento violento del loro familiare convivente. Il cingalese dovrà rispondere di lesioni aggravate e maltrattamenti in famiglia.

Le due donne sono state ricoverate all’ospedale di Acireale. Il peggio è toccato alla madre giudicata guaribile in 30 giorni, mentre la sorella potrà essere dimessa in 6 giorni.

 

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.