fbpx
EconomiaPolitica

Finanziaria 2016, emendamenti per maxi finanziamenti

Palermo – Emendamenti su emendamenti nella finanziaria approvata dalla commissione Bilancio. A stupire, sono soprattutto quelli presentati per finanziare associazioni per lo più sconosciute.

Il deputato etneo dem Luca Sammartino firma un emendamento da 50 mila euro per il Centro recupero fauna selvatica, 30 mila euro per il Cus di Catania, 280 mila euro al Centro studi di economia applicata sempre di Catania e 145 mila euro all’associazione Isas, Istituto Scienze Amministrative e Sociali.

Giuseppe Di Giacinto chiede 50 mila euro all’Officina studi medievali, Paolo Ruggirello, deputato neo dem di Trapani, firma invece per 180 mila euro per la Biblioteca Fardelliana e 140 mila euro all’Ente luglio musicale trapanese.

Ma non sono i soli: Franco Rinaldi firmaun contributo da 120 mila euro per l’Associazione sclerosi multipla con Riccardo Savona; quest’ultimo firma un emendamento per dare 540 mila euro all’associazione Rises, centro di ricerche economiche e sociali.

Contributo da capogiro per la Kore di Enna, che già ne riceve 1,3 milioni. Grazie alla capogruppo Pd Alice Anselmo, prima firmataria, ne potrebbe avere altri 500 mila euro alla Kore di Enna, che già riceve un contributo di 1,3 milioni e con queste somme supera lo stanziamento del 2015.

Il presidente della commissione, Vincenzo Vinciullo, ottiene 19 mila euro in più per la Fondazione Frisone, 785 mila euro per l’acquisto di «riproduttori animali», 50 mila euro per l’Associazione dei consorzi e 120 mila euro per i vivai di «viti americane». Sempre Vinciullo firma la proposta di 1 milione di euro per le gelate di Pachino, Portopalo e Noto.

L’area Confindustria incassa 500 mila euro per la società Interporti siciliani guidata dal presidente dell’associazione palermitana Alessandro Albanese; Santi Formica a Pino Federico, si vedono approvato un finanziamento di 300 mila euro per le loro due ex province regionali. Roberto Clemente del Pid firma 50 mila euro per l’Istituto zootecnico e 350 mila euro per il Centro siciliano Luigi Sturzo di Palermo.

Giovanni Panepinto, deputato dem dell’Agrigentino, Fa stanziare 500 mila euro per i danni dell’alluvione a Licata, Naro, Canicattì, Campobello di Liecata e Ravanusa. L’altro deputato agrigentino, Vincenzo Fontana, ottiene 50 mila euro per «premio Paolo Borsellino organizzato dall’Accademia di studi mediterranei di Agrigento».

Ma tra gli emendamenti per i finanziamenti, non possono mancare i tagli. Quasi 2 milioni sono stati tagliati al fondo per le associazioni culturali storiche, per un totale di 4 milioni all’intera ex tabella H. 300mila euro sono stati tolti agli istituti ciechi di Catania e Palermo, 100 mila all’Unione Italiana ciechi, 1 milione ai consorzi universitari.

 

 

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button