fbpx
Nera

300 ricci venduti illegalmente, multato il commerciante

Nella giornata di ieri, personale del Commissariato Borgo-Ognina, durante un’attività di controllo del territorio notava alcune mute subacquee poste su una ringhiera nei pressi del porticciolo di Ognina.

Insospettiti da tale circostanza, gli operatori di polizia ponevano in essere un’attività di osservazione che permetteva di accertare la presenza di un individuo che dopo aver scaricato dalla propria autovettura due sacche stracolme di ricci ancora vivi (circa 300), li poneva all’interno di un carrello posto di fronte ad un noto esercizio commerciale, al fine di venderli. Il tutto avveniva con l’assenso del titolare della succitata attività commerciale.

Alla luce di quando sopra, essendo il venditore privo di qualsivoglia autorizzazione, si procedeva infliggergli la sanzione amministrativa di cui dell’art. 2 D.M. 12/01/1995 che punisce chiunque detenga e/o peschi a titolo non professionale specie ittiche in numero superiore a 50 esemplari. I ricci, ancora vivi, previo parere dell’Asp veterinaria, venivano immediatamente rigettati in mare. 

Successivamente si procedeva a sanzionare anche il titolare del succitato esercizio commerciale per aver occupato abusivamente parte del marciapiede e del manto stradale con un frigo e con tavoli e sedie, creando intralcio non solo ai pedoni ma anche alla circolazione stradale.

Nella mattinata odierna, a seguito di ulteriore sopralluogo, veniva nuovamente accertato e contestato il reato di invasione di terreni poiché, di fatto, la situazione era rimasta pressoché invariata rispetto al giorno precedente

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button