fbpx
Sport

2016 da sogno per la Domusbet Catania Bs

Il capitano Platania che afferra ed alza la quarta Supercoppa della storia del club. E’ questo il fotogramma della stagione appena conclusa per la Domusbet Catania bs. Un 2016 da urlo coronato con la conquista di un trofeo importante che ha finalmente riconsegnato e rimpinguato la bacheca etnea dopo sei anni. La botta di Madjer a un secondo dalla fine contro gli eterni rivali del Terracina, è stata la stoccata che ha scacciato la sfortuna che aveva perseguitato i rossazzurri negli ultimi anni.

Sette i titoli cosi conquistati dalla Domusbet Catania Bs che rimane una delle squadre più forti e blasonate del panorama italiano senza contare ormai i passi da gigante e l’assoluta leadership e caratura che la società etnea raccolto in campo internazionale.

FINALI, SUCCESSI, PRIMATI, GOL E QUALCHE RIMPIANTO – La quarta Supercoppa portata a casa è stata un’assoluta goduria per la Domusbet Catania Bs che ritorna nuovamente ad aprire lo scrigno della felicità dopo tante occasioni mancate negli ultimi anni. Per i rossazzurri, quella contro Terracina, è stata la finale numero 15 e ritornare ad alzare un trofeo mettendo in tasca la quarta Supercoppa ha ripagato e un po’ lenito la fame di successo degli etnei. Trofeo numero 7 che consegna ancora blasone alla Domusbet Catania Bs. Ma non bisogna dimenticare anche altri score importanti: 9 gare su 9 vinte nella regular season del girone Sud, lo scettro di miglior attacco della serie A con 89 reti messe a segno contando anche la Final Eight e la soddisfazione di vedere bomber Zurlo sul tetto dei cannonieri italiani con 30 gol. Senza dimenticare la difesa che è risultata anch’essa la migliore della massima serie con solo 32 reti subite.

Altro primato il non aver mai perso una gara in campionato, senza contare le fasi finali, negli ultimi tre anni. Il neo rimane la Final Eight e uno scudetto che non arriva dal 2008, ma non bisogna dimenticare le 5 finali di Coppa Italia centrate negli ultimi 6 anni o lo straordinario salto internazionale nelle ultime tre edizioni dell’Euro Winners Cup con una crescita esponenziale di squadra che si è presentata ai nastri di partenza della Champions League del Beachsoccer da vice Campione D’Europa, quest’anno fermata solo in semifinale e solo ai supplementari, ma rimasta tra le prime 4 migliori formazioni europee.

Altra certezza consegnata da un organico di primo livello, un mix di caratura nazionale ed internazionale che aveva pochi rivali. Tre campioni del Mondo ed Europei come Madjer, Belchior e Jordan, la classe spagnola di Antonio, una base importante della nazionale azzurra con Corosiniti davanti a tutti, due brasiliani doc ormai in salsa rossazzurra come Fred e Gabriel e giocatori etnei nel dna come Platania, Palazzolo e Chiavaro pronti a sputare l’anima per la maglia ambasciatori catanesi di questo sport. Un plauso va allo staff dirigenziale con il direttore tecnico Merola e il secondo di Della Negra Giuseppe Grasso che hanno ridato fiducia e serenità a tutto l’ambiente.

la formazione femminile della domusbet catania vice campione d'italiaLADIES CHE PASSIONE Il quid in più? E’ stato regalato dalla formazione femminile della Domusbet Catania Bs, una squadra che al suo primo anno in uno sport complicato e difficile come il beachsoccer ha fatto registrare per i colori rossazzurri un successo pazzesco. Le ragazze guidate da Marilena Guerreggiante e supportate dal coach two Giuseppe Tringale e dal direttore sportivo Castorina, hanno stupito tutti in Euro Winners Cup conquistando un quinto posto pazzesco, fermate solo all’ultimo secondo ai quarti di finale, ed hanno stupito tutti in campo nazionale annientando il forte Catanzaro nella doppia sfida e fermate solo in finale scudetto dal Terracina ma con il tricolore in tasca a cinque minuti dalla fine della gara e sfuggito forse solo per fisiologica inesperienza.

Un 2016 dunque che torna a sorridere alla Domusbet Catania Bs che guarda al futuro con rinnovato entusiasmo, la voglia di non fermarsi e la consapevolezza di poter costruire un futuro tecnico ancor più forte, ripartendo magari dalla base solida di eccellenze consegnate dal nostro territorio, erano ben 4 i siciliani in campo quest’anno e progettando un 2017 con nuovi orizzonti da raggiungere.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button