fbpx
CronacheEditorialeIl GiornalaioMafiaMultimediaNewsRubriche

18 colonnine della Sostare distrutte e Fiumefreddo grida all’attacco mafioso

Succede che a Catania 18 colonnine della Sostare vengano distrutte la notte tra l’uno e il due gennaio. Cosa incivile e da condannare. C’è un giornale che titola “A Catania la mafia alza il tiro” riferendosi a questa vicenda.

Oramai, ma non è una novità, i giornali, quelli piccoli (non tutti), sono uno strumento per ottenere qualcosa. Sudpress, come abbiamo dimostrato l’anno scorso, è uno valido aiutino per riuscire ad ottenere incarichi e consulenze, tutto questo a beneficio dell’Avvocato, Editore, Giornalista, Antonio Fiumefreddo. Adesso il giornale si lancia in una nuova campagna, quella pro-sostare. E’ vero che 18 parcometri sono stati distrutti nella notte tra l’uno e il due gennaio, ma secondo la tesi originale del quotidiano diretto da Simona Scandurra la mafia ha fatto saltare in aria con “18 bombe” le 18 colonnine.

Da che mondo e mondo la mafia distrugge? Oggi non è più così e lo sappiamo tutti benissimo, è inutile citare Mafia Capitale e tutte le altre storie, la mafia in questo caso non c’entra nulla. La mafia, quella vera, avrebbe fatto in modo di avere altri parcometri, magari da far utilizzare all’utenza per pagare anche la notte.

 

 

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker